Press ESC to close

4 trucchi fai-da-te per evitare che le piante d’appartamento ingialliscano

Uno dei fenomeni di cui soffrono molte piante da interno è la clorosi, che è uno scolorimento delle foglie dovuto alla mancanza di clorofilla. Questa decolorazione conferisce loro un aspetto giallastro, che non è il colore desiderato per le piante d’appartamento. Che tu abbia il pollice verde o meno, ecco 4 consigli casalinghi per evitare che le tue piante ingialliscano e quindi brucino.

Perché le piante ingialliscono?

Le piante da interno  possono decorare il nostro ambiente e portare un tocco esotico. Sebbene ci siano alcune piante di facile manutenzione, altre al contrario richiedono cure particolari. E per una buona ragione, possono vedere le loro foglie ingiallire se non vengono mantenute correttamente.

Un ingiallimento delle foglie significa che le piante in vaso stanno riscontrando un’anomalia nel livello di irrigazione. Quando le piante non vengono annaffiate a sufficienza, diventano marroni, appassiscono e si seccano. Ma quando ricevono troppa acqua, le radici marciscono e la pianta non può più nutrirsi. Risultato: i bordi delle foglie possono ingiallire o possono comparire anche macchie marroni. Un altro fattore correlato all’ingiallimento è la carenza di azoto. Quest’ultimo svolge un ruolo essenziale nel processo di fotosintesi.

Come prevenire l’ingiallimento delle piante?

Ecco alcuni consigli della nonna per prendersi cura delle piante d’appartamento ed evitare che ingialliscano.

1. Lascia riposare l’acqua della pianta per 48 ore

In un grande contenitore, metti la tua acqua e lasciala riposare per circa 48 ore per consentire la precipitazione dei cristalli di calcio. Ciò provocherà un equilibrio chimico tra i cristalli di calcio e gli ioni disciolti che formano cristalli in sospensione.

Spruzza la miscela sulle tue piante e vedrai che manterranno la loro lucentezza più a lungo del previsto grazie a questo rimedio evitando l’uso di sostanze chimiche.

Acqua

2. Usa l’aceto o il limone per innaffiare le piante e acidificare l’acqua

Un valore di pH troppo basso o troppo alto può danneggiare le piante. Da qui l’importanza di regolarlo correttamente. Per  le piante che necessitano di terriccio acido , sarà sufficiente un semplice cucchiaino di aceto o succo di limone per litro d’acqua. Mescolare bene i liquidi e lasciarli riposare per qualche ora prima  di annaffiare il terreno . Noterai la differenza. Le piante avranno molte meno probabilità di ingiallire e la consistenza delle loro foglie sarà ancora migliore.

3. Il ritorno dei fondi di caffè come fertilizzante per la pianta

Al di là dei suoi  molteplici usi  per il corpo e per la casa, i fondi di caffè contribuiscono al mantenimento delle piante d’appartamento. La sua relativa acidità e ricchezza di nutrienti lo rendono uno strumento necessario per acidificare il terreno. Tuttavia, l’uso di troppi fondi di caffè può causare la comparsa di erbacce. Metti una leggera dose di fondi di caffè nel tuo terreno e osserva il risultato nel corso dei giorni. Ciò impedirà alle foglie di ingiallire o bruciare.

piantare i fondi di caffè

4. Un rimedio per curare la carenza di ferro nelle piante

Alcune piante possono soffrire di clorosi ferrica che significa carenza di ferro e sono caratterizzate da ingiallimento delle foglie. Così come l’eccesso di calcio, fosforo o terreno troppo umido possono essere fattori che bloccano l’assimilazione del ferro.

I prodotti biologici per curare questa carenza sono disponibili nei negozi specializzati. Tuttavia, è possibile superare il blocco dell’assimilazione del ferro grazie ad un semplice trucco che consiste nel drenare il terreno e ricoprirlo con pacciame vegetale, ovvero aghi di pino o anche scorze di agrumi.

Per concludere, le piante d’appartamento necessitano di una manutenzione speciale per mantenere la loro vitalità e quindi il loro colore. È importante prendersi cura delle piante nel modo più naturale possibile con questi rimedi casalinghi.