Press ESC to close

4 trucchi per rimuovere i residui di cibo essiccati dal fornello senza graffiare lo smalto

La superficie della cucina tende a sporcarsi rapidamente. Tra schizzi e schizzi di cottura, non è sempre facile evitare questi incidenti anche con cautela. Se inoltre dimentichiamo quotidianamente di rimuovere questi residui, la pulizia richiederà un certo sforzo. Per semplificare, offriamo due semplici rimedi.

Gli avanzi di cibo versati sulla padella sono un risultato ricorrente della cottura e, a meno che non vengano ripuliti al momento, sarà più difficile rimuoverli successivamente. Inoltre, bastano pochi minuti perché si asciughino  e permeino saldamente la superficie del dispositivo. Vediamo come risolvere questo problema.

pulizia della cucina

Bicarbonato e aceto bianco

È importante sapere come trattare  la superficie di una stufa  perché molti  finiscono per danneggiare lo smalto  mentre cercano di rimuovere le macchie incrostate. Ecco la strategia che ti consigliamo di utilizzare per evitare questo problema:

In ogni cucina, di solito ci sono due ingredienti che sono al centro della tua tecnica di pulizia dei fornelli. È il duo di bicarbonato di sodio e aceto bianco. Usati singolarmente, possono già dare prova di sé, ma usati contemporaneamente,  l’effetto disincrostante aumenta di dieci volte.

Per fare questo, mescolare l’acqua con la polvere domestica per ottenere  una pasta abbastanza consistente . Quindi imbevete una spugna nella sostanza e strofinatela sulle zone da trattare per sbloccare le macchie. Lasciare agire per qualche minuto quindi risciacquare la superficie con una spugna umida.

pulizia delle superfici della cucina

Se i residui di cibo hanno lasciato delle macchie opache anche dopo la pulizia o se si vuole garantire  una pulizia ottimale , si può sempre aggredire la superficie con dell’aceto bianco versando l’aceto  in un flacone spray . Spruzzane una quantità sufficiente a coprire la superficie della stufa, quindi strofina con un panno inumidito con acqua calda per sciogliere la soluzione. Vedrai che si staccherà visibilmente. Infine, passa un’ultima salvietta con un panno pulito per asciugare il tuo dispositivo.

Un altro metodo con questi due ingredienti e altrettanto efficace è quello di cospargere il bicarbonato di sodio sul fuoco e poi spruzzarlo con aceto bianco. Si formerà una schiuma che romperà le macchie più ostinate. Lasciare agire qualche minuto prima di strofinare con una spugna e risciacquare con acqua pulita.

Borace in polvere

La polvere di borace è un detergente che, come il bicarbonato di sodio, agirà in profondità sui residui di cibo saldamente incrostati sul piano cottura del tuo elettrodomestico. Per sfruttare questa polvere, puoi mescolarla con acqua e detersivo per piatti  e applicarla sulle macchie usando un panno in microfibra. Lasciare riposare quindi risciacquare con un panno umido pulito. 

spatola di plastica

La rimozione dello sporco dalla superficie del piano di cottura può essere eseguita anche utilizzando una spatola di plastica. Grazie a questo oggetto potrai agire direttamente sullo sporco e rimuoverlo gradualmente. È una soluzione pratica che può seguire le soluzioni di cui sopra, nel caso in cui la formazione di residui si riveli più solida del previsto. Pertanto,  una volta ammorbidite le macchie da uno dei prodotti citati,  la rimozione con la spatola risulterà più agevole.

Dentifricio e bicarbonato di sodio

La tecnica che prevede la combinazione di bicarbonato e dentifricio è anche l’occasione per ricordare che la polvere domestica funge anche da agente sbiancante non tossico. Mescola  un po’ di bicarbonato di sodio con il dentifricio alla menta  , quindi applica il preparato direttamente sulla teglia. Lasciare agire per qualche minuto in modo che la sostanza agisca in profondità sulle tracce quindi strofinare le zone macchiate con uno spazzolino usato.

Come puoi vedere, le soluzioni sono spesso a portata di mano. Hai solo bisogno di conoscere i molteplici usi segreti.