La piastra arriva sempre in nostro soccorso, quando ci svegliamo con i capelli indomabili, o quando le ciocche decidono di ribellarsi un buongiorno. Troviamo poi capelli molto lisci e setosi, e siamo sicuramente soddisfatti, ma c’è sempre un prezzo da pagare. Usata male, la piastra rischia di danneggiare i capelli, che diventano ruvidi e fragili. Scopri questi 5 consigli che ti permetteranno di lisciare i capelli senza danneggiarli.

La piastra è uno dei dispositivi riscaldati che, se usati ripetutamente o in modo sbagliato, danneggiano i capelli e talvolta possono causare danni anche irreversibili.

In che modo le piastre danneggiano i capelli?

I capelli sono composti principalmente da cheratina. Questa proteina costituisce una barriera che protegge il capello, ma sotto l’effetto del calore diventa più sottile e quindi non può più proteggere il capello dalle aggressioni. Questo è quando la fibra capillare è danneggiata e i capelli perdono la loro morbidezza e diventano più ruvidi e fragili. In questo caso, continuare ad utilizzare la piastra danneggerà ulteriormente i capelli. Infatti, non avendo più strato che lo protegga, i capelli rischiano di affinarsi sotto l’effetto del calore, cosa che ne comporterà la caduta.

Inoltre, se usate in modo improprio, le piastre  provocano l’effetto crespo . In questo caso anche lisciare il crespo con questo dispositivo riscaldante non risolverà il problema, poiché questi ultimi sono causati proprio dalla piastra lisciante.

Senza dimenticare che quando non vengono pulite spesso, le piastre riscaldanti della piastra diventano un vero e proprio nido di batteri. Questi possono attaccare i tuoi capelli oltre a renderli fragili e con doppie punte.

dispositivi di riscaldamento

Pinterest

Dispositivi per il riscaldamento dei capelli – Fonte: spm

Perché spesso è difficile fare a meno della piastra. Ecco 5 consigli che ti permetteranno di lisciare i capelli in tutta sicurezza senza danneggiarli.

1. Scegli una piastra adatta ai tuoi capelli

La scelta della piastra non va fatta in base al proprio budget, ma tenendo conto dei seguenti criteri:

La dimensione della piastra:  dipenderà dalla lunghezza dei tuoi capelli. I piatti stretti sono perfetti per i capelli corti. I capelli molto lunghi, ricci o folti, invece, dovrebbero favorire piastre larghe. E poi ci sono le classiche piastre adatte ai capelli di media lunghezza.

La temperatura della piastra:  per evitare di spezzare i capelli, è necessario regolare la temperatura della piastra in base al tipo di capelli. Non esiste infatti una temperatura standard che tutti i capelli possano seguire, ma questa temperatura dipende dal capello, a seconda che sia fine, ondulato o indebolito. Tuttavia, alcune piastre non offrono questa possibilità di regolazione della temperatura.

Per questo quando acquisti una piastra, scegli quelle che hanno il termoregolatore, e quindi offrono una temperatura varia, che va ad esempio da 75°C a 240°C. La media è di 190°C, perché oltre questa temperatura la fibra capillare viene danneggiata.

Il rivestimento della piastra:  il materiale con cui sono realizzate le piastre è molto importante. Si noti innanzitutto che esistono tre tipi di rivestimento: ceramica, titanio e tormalina.

I rivestimenti in titanio e ceramica assicurano una distribuzione uniforme ed omogenea del calore, in modo da non indebolire la fibra capillare, ma il titanio non è adatto ai capelli colorati. Per quanto riguarda la ceramica, ha il vantaggio di offrire uno scorrimento più facile dei capelli, vale a dire che non cattura i capelli. Oltre a questo, la ceramica di categoria nera è particolarmente indicata per capelli ricci o crespi.

Per quanto riguarda la tormalina, è adatta per capelli colorati, sensibilizzati o danneggiati. Grazie alla sua composizione, la tormalina aiuta anche a combattere l’elettricità statica nei capelli.

piastra per capelli

Pinterest

Piastra per capelli – Fonte: spm

2. Raddrizza i capelli asciutti

Non lisciare mai i capelli quando sono bagnati, perché rischi di bruciarli e danneggiarli. È meglio  asciugare i capelli all’aria e poi stirarli con la piastra per evitare di danneggiarli. 

Va detto che il phon è anche un dispositivo riscaldante e quindi utilizzarlo insieme ad una piastra rischia di danneggiare ancora di più i capelli.

3. Spazzola i capelli prima di lisciarli

Anche se al mattino sei a piede libero, ricordati di districare i capelli prima di lisciarli, per evitare che i nodi si brucino. Inoltre, cercare di appianare i nodi senza districarli secca la fibra capillare e provoca la rottura dei capelli aggrovigliati la prossima volta che si spazzolano i capelli.

La cosa migliore è quindi dividere i capelli in due, per districarli meglio e spazzolarli iniziando dalle punte per poi facilitarne la lisciatura.

4. Distanzia le tue sessioni di levigatura

Raddrizzare i capelli ogni giorno rischia di indebolirli. Quindi lascia riposare i capelli per un giorno o due. Inoltre, durante la stiratura, evitare di tenere a lungo la piastra riscaldante sulle lunghezze o sulla stessa ciocca.

5. Adotta una buona routine per la cura dei capelli

La cura dei capelli ti permetterà di proteggere i tuoi capelli dalla disidratazione e dai danni che possono essere causati dalle piastre riscaldanti della piastra lisciante. Ricordati di idratare i capelli e nutrirli con bagni d’olio e  maschere per capelli naturali , composti ad esempio da olio di cocco, olio di argan o miele. Così, sarai in grado di fornire ai tuoi capelli i nutrienti e l’idratazione di cui hanno bisogno per rimanere sani.

Seguendo questi suggerimenti, puoi avere l’aspetto che desideri, senza che ciò danneggi la salute dei tuoi capelli.