Con la primavera il clima si riscalda e possiamo iniziare a preparare le piantagioni dell’orto. Se vuoi coltivare qualcosa che fornisca a te e alla tua famiglia cibo nutriente coltivato in casa, una delle colture più facili da coltivare è l’asparago. Gli asparagi di solito impiegano poco più di due anni (a seconda della varietà) per ottenere un buon raccolto.

Iniziare a piantare con una pianta giovane è l’ideale se vuoi goderti il ​​raccolto degli asparagi abbastanza velocemente. Prima di tutto, gli asparagi sono un raccolto meraviglioso se hai il tempo e le energie da dedicargli. L’asparago è una coltura perenne che aggiunge bellezza e produttività all’orto. È anche un’ottima scelta se stai cercando una specie di pianta autoctona che attirerà insetti benefici nel tuo giardino.

Scopri 6 segreti che ti aiuteranno per un raccolto di asparagi di successo: scegli la tua varietà, acquista la pianta della giusta dimensione, pianta in pieno sole, annaffia regolarmente, concima al momento della semina e raccogli quando le tue piante maturano.

Il momento migliore per piantare gli asparagi

Gli asparagi, che sono le radici delle corone, ti daranno una fornitura annuale rinnovabile di nuovi germogli per 20 anni. Alcuni consigliano di piantare gli asparagi in primavera o in autunno a seconda di dove vivi.

Per i climi più caldi si consiglia di piantare a gennaio o febbraio, mentre per i climi più freddi si consiglia di piantare a settembre o ottobre. Per i climi più freddi, le corone di asparagi dovrebbero essere piantate da metà autunno (ottobre) all’inizio della primavera (aprile).

Gli asparagi hanno bisogno di pieno sole e di un terreno relativamente leggero e ben drenato. Anche piantare in autunno è un’ottima opzione, ma dovrai proteggere le piante dal freddo durante l’inverno. Il periodo migliore per piantare gli asparagi è l’autunno quando la temperatura del suolo è compresa tra 5 e 10°C. Le giovani radici di asparagi non tollerano bene il gelo, quindi non piantare se c’è il rischio di gelate.

Le prime gelate primaverili possono uccidere le lance, il che impedirà lo sviluppo dei germogli quell’anno. Se vivi in ​​un clima con gelate tardive primaverili, puoi proteggere le chiome delle tue piante di asparagi ricoprendole con 8 cm di pacciame di paglia, questo ti aiuterà a prevenire i danni da gelo. Le corone dovrebbero rimanere dormienti durante l’inverno (cioè la pianta entra in uno stato inattivo).

I germogli non dormienti saranno stentati l’anno successivo. Nei climi miti ciò avviene naturalmente, ma nei climi più freddi è meglio increspare il terreno 8-10 cm sopra la chioma all’inizio dell’autunno.

Se sei nuovo nella coltivazione degli asparagi in casa, ecco sei suggerimenti per iniziare.

6 consigli essenziali per coltivare gli asparagi

1. Scegli la tua varietà di asparagi

Gli asparagi sono generalmente divisi in due tipi principali che sono “Jersey” e “Improved”. Jersey è una varietà cimelio che può produrre bene nella maggior parte dei climi e di solito impiega circa tre anni per dare i suoi frutti. Le varietà migliorate, come Martha Washington e Mary Washington, crescono più velocemente e sopportano più velocemente dei tipi Jersey.

Queste varietà tendono anche a richiedere una fertilizzazione leggermente inferiore. Se stai pensando di piantare asparagi per la prima volta, opta per una varietà migliorata, non dovrai aspettare così tanto per il tuo primo raccolto.

Rinnovare le tue piante di asparagi è facile ed economico, quindi è una buona idea acquistare solo corone di due anni per la semina. I letti di asparagi possono essere avviati dal seme, ma tali sforzi potrebbero non portare a piante pronte per il raccolto per cinque o più anni.

2. Acquista una piantina di asparagi della giusta dimensione

Quando si tratta di acquistare una giovane pianta di asparagi, le dimensioni contano. Per iniziare, assicurati di acquistarne uno alto circa 15 cm, che sarà abbastanza alto da stabilire buone radici ed essere sulla buona strada per la piena crescita.
Evita le piantine piccole che sono alte meno di qualche centimetro in quanto richiedono molte cure e di solito non si svilupperanno in piante di asparagi adulti.

asparagi dell'orto

3. Pianta i tuoi asparagi in pieno sole

Sebbene gli asparagi abbiano bisogno di molto sole, è importante non piantare la giovane pianta alla luce diretta del sole. Invece, inizia posizionandolo dove riceverà solo 4-6 ore di luce solare diretta al giorno.

Dopo circa tre settimane, sposta gradualmente la pianta in un’area che riceverà dalle sei alle otto ore di sole al giorno (questo può includere il sole mattutino o pomeridiano). Fai attenzione a non esporre la tua pianta di asparagi a troppo sole troppo velocemente poiché la pianta brucerà e morirà se lasciata alla luce diretta del sole per lunghi periodi di tempo.

Gli asparagi non dovrebbero essere piantati troppo in profondità (la parte superiore della chioma a livello della superficie è la norma) e amano essere piantati in massa. Piantali a circa 30-45 cm di distanza (a seconda di quanto spazio hai) in una griglia o in un motivo a scacchiera.

Quando pianti corone di asparagi, tienile dritte, le felci in alto e le radici arricciate nel vaso (questo assicura che non si secchino). Piantali sopra o leggermente al di sotto della superficie del suolo (circa 2-5 cm di profondità).

4. Innaffia regolarmente le tue piante di asparagi

Innaffia bene gli asparagi, ma non lasciare che il terreno si impregni d’acqua. L’irrigazione può essere effettuata con un tubo flessibile o un sistema di irrigazione a goccia che fornirà l’umidità direttamente alle radici.

Si consiglia inoltre di applicare 5-8 cm di pacciame attorno alla pianta di asparagi per aiutare a conservare l’umidità e sopprimere la crescita delle erbacce che potrebbero competere con le giovani piante per l’acqua. Gli asparagi non amano essere annaffiati molto spesso, proprio quando il terreno è asciutto di circa 7 cm e hanno bisogno di un buon ammollo. Meno acqua, migliore è il suo sapore!

5. Fertilizza i tuoi asparagi durante la semina

Se pianti una giovane pianta di asparagi nel tuo giardino, assicurati di dargli un po’ di materia organica prima che venga piantata nel terreno. Distribuire uno strato di 3 cm di compost o letame attorno alla base della pianta e mescolare leggermente con il terreno sottostante.

Innaffia bene dopo la semina per far partire bene le tue piante di asparagi. L’asparago preferisce un terreno profondo e ben drenato, questo significa che deve poter andare in profondità nel terreno se si vogliono produrre molti germogli e se si tratta di argilla pesante deve poter andare ancora più in profondità.

6. Raccogli quando le tue piante di asparagi maturano

Quando coltivi gli asparagi nel tuo orto, dovrai proteggere le chiome delle piante raccogliendo inizialmente solo i germogli maturi. Le lance cresceranno di circa 2,5 cm al giorno, quindi tagliale semplicemente con un coltello affilato quando sono alte circa 15-20 cm.

Ogni pianta di asparagi può in genere produrre per sette anni prima di dover essere sostituita. Se la pianta inizia a produrre asparagi più piccoli o diventano fibrosi e duri, è il momento di estrarre gli asparagi e piantarne uno nuovo.

Opinioni ed esperienza personale di piantare asparagi

Anno dopo anno ricevo almeno una mail da qualcuno che ha appena piantato un’aiuola di asparagi o che coltiva da diversi anni ma ancora non capisce perché raccolga solo piccoli germogli. Vogliono arrendersi o scavare tutto. Ho persino sentito di qualcuno che ha finito per regalare il proprio letto di asparagi perché era frustrato dal fatto che le lance fossero così piccole.

Ciò che sperimentano è abbastanza normale per la piantagione di asparagi che ha determinati requisiti colturali se vogliamo garantire un buon raccolto l’anno successivo. Ecco un trucco per aumentare la resa di almeno il 30%: dopo la stagione del raccolto, copri l’aiuola con della plastica nera per circa quattro mesi. Ciò manterrà il terreno caldo e costringerà le piante a produrre spighe più grandi l’anno prossimo!