L’aglio è una delle verdure più facili da coltivare, ma a volte quelle grandi cime verdi si traducono in un raccolto deludente di piccoli germogli. Dopo quasi un anno di coltivazione dell’aglio, irrigazione paziente, diserbo e concimazione, avrai grandi e gustose teste d’aglio per le tue ricette preferite!

Ecco 9 passaggi da seguire, dalla preparazione prima della semina alla raccolta, per aiutarti a far crescere le tue teste d’aglio più grandi. Oltre a seguire tutti i passaggi di coltivazione dell’aglio descritti di seguito, è importante piantare l’aglio al momento giusto.

Il momento migliore per piantare l’aglio:

Pianta l’aglio in autunno (settembre e ottobre sono i mesi migliori). Questo dovrebbe essere almeno 2 settimane prima del tuo primo gelo della stagione. Questo dà al tuo aglio le migliori possibilità di resistere alle condizioni invernali dandogli tutto il tempo per stabilirsi. Novembre è un po’ tardi per piantare l’aglio, infine dipende anche dal clima, dicembre è sconsigliato.

1. Seleziona la migliore varietà per la tua regione

Non tutti i semi di aglio crescono ugualmente bene ovunque. La maggior parte degli spicchi d’aglio richiede temperature invernali sufficientemente fredde per sviluppare buone teste in primavera, ma alcune varietà sono più tolleranti al caldo.

Se vivi in ​​una zona con inverni caldi, evita l’aglio descritto come “eccellente per le regioni fredde”. Le varietà di aglio in crescita che non sono adatte al tuo clima possono causare teste di aglio più piccole quando vengono raccolte.

2. Preparare il terreno per la semina

L’aglio tollera un’ampia varietà di terreni, ma per le grandi teste d’aglio è importante preparare il tuo giardino con i nutrienti e le condizioni ottimali prima di piantare.

L’aglio preferisce:

– terreno sciolto, argilloso con alto contenuto di sostanza organica
– terreno con buon drenaggio. I terreni paludosi o pesanti possono far marcire o sviluppare male i chiodi di garofano.
Se il terreno del tuo giardino non è adatto all’aglio, considera di coltivarlo in un’aiuola rialzata per un migliore drenaggio.
Se fertilizzi il tuo giardino, fallo solo tra il periodo pre-impianto e la tarda primavera, quando iniziano a formarsi gli steli. Altrimenti, potresti incoraggiare una crescita eccessiva della cima invece dello sviluppo della testa dell’aglio.
Fai anche attenzione a non fertilizzare eccessivamente con fertilizzanti ricchi di azoto in autunno, questo potrebbe portare a una crescita superiore stimolata e portare a danni da gelo nelle regioni invernali molto fredde.

3. Pianta gli spicchi d’aglio più grandi

Le più grandi teste d’aglio crescono dai più grandi spicchi d’aglio. Gli spicchi d’aglio grandi hanno più energia immagazzinata per aiutarti a far partire bene l’aglio e sono più resistenti ai danni del gelo. Quando si separano i chiodi di garofano per la semina, selezionare i chiodi di garofano più grandi per far crescere le teste d’aglio e utilizzare quelli più piccoli per far crescere l’aglio verde primaverile. Basta raccogliere in primavera quando le foglie sono spuntate e usarlo come l’erba cipollina all’aglio.

Se hai conservato parte dell’aglio raccolto per la semina, seleziona le teste più grandi per i semi di aglio e mangia le teste più piccole. Mentre quelli più grandi sono più appetibili, se selezioni cime più grandi da piantare quest’anno, avrai più cime grandi da piantare e mangiare negli anni a venire.

4. Dai spazio al tuo aglio per crescere

Pianta il tuo aglio con spazio sufficiente per far crescere le sue radici e per impedire all’aglio di competere per i nutrienti e l’acqua. Distanziarli di 15 cm l’uno dall’altro è l’ideale per piantare. È anche abbastanza vicino da fornire ombra l’uno all’altro durante la crescita, il che aiuta anche nella fase successiva.

5. Mantieni l’aglio fresco per tutta la stagione di crescita

L’aglio più grande vive un inverno lungo e fresco e l’inizio della primavera mentre stabilisce il suo apparato radicale e si prepara allo sviluppo della testa, seguito da una primavera lunga (ma non troppo calda) e da un periodo di crescita all’inizio dell’estate quando le teste spuntano e si dividono. La crescita della testa inizia quando la temperatura del suolo è intorno ai 15°C e termina quando il suolo raggiunge i 30°C.

La chiave di questo passaggio è mantenere fresco il terreno dell’aglio il più a lungo possibile fino a quando non è pronto per il raccolto. Questo le darà più tempo possibile per sviluppare grandi cime. Se il tuo terreno diventa troppo caldo troppo presto, la crescita delle gemme si fermerà quando è ancora piccola.

6. Molta acqua per cime grandi

Un buon piano di irrigazione aiuterà anche ad aumentare le dimensioni della testa dell’aglio. La pacciamatura aiuta a ridurre l’evaporazione, quindi il terreno rimane umido più a lungo e deve essere applicata meno acqua. Innaffia i semi dell’aglio in profondità ma di rado (lascia che la superficie si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra, ma mantienila umida a diversi centimetri di profondità). Ciò incoraggerà le radici a crescere più in profondità per trovare acqua, invece di rimanere nelle regioni superiori del suolo dove la temperatura è più alta.

7. Diserba i tuoi letti di aglio

Le erbacce che crescono tra il tuo aglio forniscono una concorrenza inutile per i nutrienti e l’acqua. Diserba regolarmente il tuo giardino! La pacciamatura può anche aiutare a ridurre la quantità di erbacce che crescono.

8. Rimuovere immediatamente i gambi

Gli scapi sono i gambi dei fiori che l’aglio duro produce in primavera e all’inizio dell’estate. Controlla frequentemente il tuo aglio in crescita e rimuovili a livello delle foglie. Sono buoni da mangiare, quindi non buttarli via! Non dovrebbero essere lasciati crescere in quanto ciò toglie energia alla crescita della testa d’aglio.

9. Vendemmia al momento giusto

Assicurati che l’aglio sia completamente cresciuto prima della raccolta. Quando il tuo aglio è pronto, non crescerà più ed è considerato maturo quando le cime sono 1/3 (le 4 foglie inferiori) marroni o quando cade (per le varietà a collo morbido).

Quando le teste d’aglio iniziano a ingiallire, smetti di annaffiarle. Raccogli l’aglio 2 settimane dopo e asciugalo. Non aspettare troppo a lungo o lo strato di rivestimento inizierà a rompersi e non si manterranno altrettanto bene. Guardali attentamente perché i tuoi agli non saranno tutti pronti allo stesso tempo, quindi raccogli ogni testa d’aglio secondo necessità.