Press ESC to close

9 consigli per rinfrescare la casa senza aria condizionata

Durante la stagione estiva, e soprattutto durante le ondate di caldo, l’aria condizionata resta quasi indispensabile per rinfrescare la casa. Tuttavia, alcuni non dispongono di questi dispositivi o preferiscono altre alternative per evitare una bolletta elettrica esorbitante a fine mese. Come affrontare il caldo estremo senza l’aiuto dei condizionatori? Ecco alcuni consigli da mettere in pratica a casa.

Non appena le temperature iniziano ad aumentare, il primo istinto che facciamo in casa è quello di accendere i nostri condizionatori. Una volta che l’ambiente è molto fresco si avverte subito un sollievo e la sensazione di soffocamento scompare. Solo che l’aria condizionata non presenta solo vantaggi. Se questi dispositivi non vengono adeguatamente mantenuti e puliti regolarmente, possono rilasciare allergeni nell’aria che respiriamo. Inoltre, anche lo shock termico dovuto alla differenza di temperatura tra interno ed esterno è dannoso per la salute. Per non parlare del fatto che è tutt’altro che economico poiché consuma molta elettricità. Ma state tranquilli, è possibile stare al fresco durante i caldi mesi estivi, anche senza ricorrere a questi dispositivi di raffreddamento.

9 consigli per rinfrescare la casa senza usare il condizionatore d’aria

Condizionatore acceso

Durante un’ondata di caldo estivo, niente è più salvifico del comfort dell’aria condizionata che rinfresca i nostri spazi abitativi. Ma per alcune persone più sensibili di altre, preda di malattie respiratorie, questo dispositivo non è la soluzione migliore. Allora come mantenere una casa fresca d’estate senza aria condizionata?

Asciugamano bagnato

Il trucco più semplice è mettere un asciugamano umido sulle  finestre  durante la notte. Sarà particolarmente utile poiché assorbe il calore e porta aria fresca in casa.

Lenzuola di cotone leggero

Si consiglia di utilizzare lenzuola di cotone leggero che tendono a rimanere più fresche rispetto ai tessuti sintetici. Per quanto riguarda i cuscini, optate invece per i modelli in grano saraceno, capaci di lasciar passare l’aria senza trattenere il calore corporeo.

Cuscino rinfrescante

Nelle notti più calde, usa un cuscino rinfrescante da posizionare sotto la testa. Diversi modelli sono disponibili online

Bottiglia fresca ai tuoi piedi

Per mantenere i piedi freschi, metti una bottiglia d’acqua (precedentemente raffreddata nel congelatore) che avvolgerai attorno a un panno sottile e metti vicino ai piedi (senza toccarli)

Finestre isolate

Durante il giorno, assicurati che tutte le finestre siano ben chiuse. Se l’aria esterna è più calda dell’aria interna, la tua casa rimarrà un po’ più fresca.

Chiudi le finestre

Evita i dispositivi che si surriscaldano

Altra raccomandazione importante: evitare, se possibile, di utilizzare apparecchi elettrici che scaldano maggiormente. È meglio non utilizzare troppo il forno per cucinare e preferire preparare cibi che non richiedano cotture troppo lunghe sui fornelli. Spegnere televisori e computer il più spesso possibile. È stato dimostrato che la quantità di calore proveniente da tutti questi dispositivi può aumentare la  temperatura  fino a 2 o 3 gradi.

Finestra aperta

Controllo dell’umidità

Un altro fattore estremamente importante che può aiutarti a ridurre la temperatura ambiente è il controllo dell’umidità in casa. Secondo gli esperti, riducendo l’umidità dal 70 al 40%, si avverte molto rapidamente un calo della temperatura di circa 3-6 gradi.

Preferisci le lampadine a LED

Gli esperti sottolineano inoltre che  gli elettrodomestici da cucina  portano calore inutilmente in casa. In particolare le lampadine a incandescenza che emettono più calore, sprecando il 90% dell’energia utilizzata. Pertanto, passare alle lampadine a LED può fare la differenza per mantenere la casa più fresca più a lungo. In più, e questo non è poco, contribuiranno a ridurre la bolletta elettrica.

Apri le finestre di notte

Infine, se si vive in una zona dove la temperatura diminuisce di notte, è meglio aprire le finestre prima di andare a letto. Ma non dimenticare di chiuderli la mattina dopo per mantenere l’aria fredda all’interno prima che fuori faccia troppo caldo.