“Non ci sono piccoli risparmi! per ridurre la bolletta energetica della tua casa, hai fatto tutto il possibile, ma niente funziona. Tuttavia, hai pensato a tutto? Perché a volte siamo presi dalla vita di tutti i giorni: ingrandisci questi elettrodomestici più che ad alta intensità energetica.

Risparmiare energia senza risparmiare sul comfort di tutti ti sembra inconciliabile? Per limitare il dispendio energetico, si tratta di interessarsi a ciò che consuma ogni dispositivo. In cucina è lo stesso! Hai scelto di optare per un’alimentazione sana ed equilibrata, senza fare troppe rinunce. Il consumo del frigorifero, del forno a microonde e dei piatti rimane inevitabile. Tuttavia, due dispositivi rimangono estremamente energivori!

Come ridurre la bolletta energetica facendo a meno di alcuni elettrodomestici?

Anche in cucina possiamo ridurre i nostri consumi senza privarci

Per questo non c’è bisogno di intraprendere grandi opere, basta rivivere le esperienze di un tempo. Non hai visto tua nonna un giorno esercitarsi  a “cucinare sui fuochi”  ? No, non stiamo parlando di piatti freddi, ma di un semplice gesto:  mentre il cibo cuoce, toglietelo dal fuoco prima della fine di quest’ultimo, il calore del recipiente e l’acqua di cottura, penseranno al resto . I tuoi piatti saranno cotti e avrai risparmiato energia. A poco a poco, un cm 3  dopo l’altro.

Un dispositivo il cui consumo è rivoltante

Oggi diamo un’occhiata al consumo energetico degli elettrodomestici. Ti sei reso conto che mantenendo correttamente il tuo  frigorifero a basso consumo energetico , dentro e fuori , consuma meno energia.

Per misurarlo utilizziamo l’unità di potenza elettrica, il Watt, e quella del kWh (Kilowatt/ora), per il consumo. Possiamo confrontare… Un frigorifero di classe “A” da 200W e un frigorifero di classe “C” da 350W. Nell’anno consumeranno 201 kWh per la classe “A” e 500 kWh per la classe “C”. Una differenza di 300 kWh! Il prezzo a gennaio 2023 del kWh elettrico è di 0,1740  euro,  il risparmio tra i due frigoriferi è di 52,20 euro . Precisazione: una lavastoviglie consuma in media 288 kWh, ovvero all’incirca la stessa cifra (€ 50,11).

E allora che dire di questo elettrodomestico, che usiamo una volta alla settimana, per riscaldare l’olio a 190°C per cuocere le patatine fritte… La sua potenza va dai 1500 ai 2000 W, semplicemente enorme! Per 48 settimane di utilizzo passeranno 84 kWh, ovvero 14,85€.

Conclusione: staccare la spina, soprattutto perché esistono soluzioni alternative. Meno patatine fritte sono ancora più salutari o considera di prepararle usando una friggitrice a gas.

Usando una friggitrice

Risparmiare denaro in casa: identificare gli elettrodomestici che consumano energia.

Bucato sano, morbido, confortevole per tutta la casa, il tuo secondo obiettivo! Per la lavatrice avete trovato delle soluzioni per ridurne il consumo energetico. Abbassate la temperatura, quando possibile, scegliete un programma più breve ma altrettanto efficace, eseguitelo di notte… dovete comunque asciugarlo. Se le lavatrici visualizzano una potenza compresa tra 2000 e 2200 W, possiamo calcolare che un ciclo costa in media 0,9 kWh… Tuttavia, l’altra funzione, l’asciugatrice visualizza tra 2500 e 3000 kWh, e richiede per un ciclo 3 kWh!

Conclusione: staccare la spina, poiché esistono altre soluzioni di asciugatura più economiche . Lo stendibiancheria, il filo stendibiancheria…  Un consiglio: assicuratevi di ventilare la vostra casa per evitare che l’umidità si diffonda e danneggi la salute di tutti.

Asciuga il bucato

Scollegare altri dispositivi?

Una blogger inglese, “@duchessofthrift”, ha  creato il clamore l’anno scorso, offrendo un altro suggerimento sul suo account Tik Tok: scollegare il router di notte. Certo, lo ha fatto in modo ragionevole e spiegandolo a tutta la famiglia. Non solo ha risparmiato sulla bolletta energetica, ma  i suoi figli, precedentemente dipendenti dai social network e da altri videogiochi, hanno riacquistato il sonno e migliori risultati scolastici . Cose che non hanno prezzo!

Come puoi vedere, è possibile risparmiare senza tornare all’età della pietra. Puoi anche monitorare i consumi dei tuoi elettrodomestici e provare ad accaparrarti qualche euro che a fine mese farà la differenza.