Le patate viola, conosciute anche come patate viola peruviane, hanno buccia e polpa naturalmente viola o blu intenso e sono insolitamente ricche di antiossidanti che le rendono super salutari. I loro colori unici provengono da pigmenti naturali di antociani; alcune patate peruviane sono naturalmente viola, mentre altre sono allevate per sfumature più profonde.

Sono un’ottima fonte di potassio, vitamina C, vitamina B6 e molto altro! Le patate viola sono apprezzate in Sud America da molto tempo. Nella loro cultura è conosciuto da secoli come il “cibo degli dei”.

Cosa sono le patate viola?

Le patate viola, a volte chiamate patate blu, sono un tipo di patata originario del Sud America. Sebbene siano molto simili alle loro controparti bianche dei negozi di alimentari, queste patate mostrano una bella buccia e polpa di colore viola. Le varietà di patate viola cimelio e ibride vanno dal viola solido a una miscela di viola e bianco.

Sebbene sia un’aggiunta piuttosto interessante al giardino, i benefici nutrizionali percepiti della patata blu sono numerosi. Indipendentemente dalla cultivar, le varietà di patata viola e blu contengono il prezioso antiossidante chiamato antocianina. L’antocianina, ovviamente, è responsabile del vivace colore viola delle piante.

Varietà di patate viola da coltivare in contenitori:

Esistono molte varietà di patate viola. Diamo un’occhiata a loro.

1:  Il viola peruviano è viola dappertutto e produce bene a fine stagione. Purple Fiesta è una patata speciale di mezza stagione che mantiene il suo colore quando viene cotta.

2:  Il vichingo viola ha una pelle viola brillante con macchie rosa-rosse e polpa bianca come la neve che diventa più dolce durante la conservazione.

3:  The Purple Majesty è forse la varietà viola più scura.

Patate viola in crescita

Coltivate come le altre patate, le varietà viola, essendo originarie del Sud America, di solito prosperano in condizioni difficili e sono spesso resistenti alle malattie. Le patate hanno bisogno di sette o otto ore di sole, terreno umido ben drenato e buona fertilità. Applicare un fertilizzante per tutti gli usi al momento della semina e un po’ di più quando le piante sono cresciute per circa la metà. Piantare le patate durante la stagione fredda, quando non c’è pericolo di congelamento, ma quando le temperature rimangono al di sotto della metà degli anni ’80, il che riduce la formazione di tuberi.
Trova patate “da seme” online, ma ordina in anticipo fino a esaurimento scorte. Prima di piantare, tagliare le patate da seme in piccoli pezzi, ciascuno con uno o due piccoli “occhi” o gemme fogliari. Pianta circa tre pollici di profondità e un piede di distanza in file, colline, letti rialzati o contenitori.
I tuberi di patata spuntano da brevi stoloni sugli steli inferiori delle piante frondose, ma devono essere tenuti nella totale oscurità per evitare che diventino verdi al sole, altrimenti si può accumulare un alcaloide vegetale velenoso chiamato solanina. Prevenirlo accumulando terreno o pacciame spesso attorno alle giovani piante, ripetendo se necessario fino a quando sei o otto pollici di steli inferiori non vengono sepolti. 

Innaffia e aggiungi altro terreno:

Le patate viola inizieranno a crescere rapidamente. Tienili d’occhio mentre crescono. Aggiungi grossolanamente altro terreno intorno alle piante. Ti darò una stima approssimativa, per esempio; se osservi una crescita di 6 pollici o più ogni due settimane, aggiungi una pala piena o giù di lì.

Mantieni il terreno umido e non lasciarlo defluire. È qui che entra in gioco il drenaggio. Un buon drenaggio è molto importante in quanto mantiene il terreno ottimale. Se il terreno diventa troppo umido, distruggerà la patata.

Raccolta delle patate

Le patate viola piccole o “nuove” possono essere raccolte circa tre mesi dopo la semina, ma per i tuberi più grandi e maturi attendere che le piante diventino gialle o tagliare le piante mature circa quattro mesi dopo la semina e quindi scavare i tuberi. Scava delicatamente per evitare tagli e contusioni; non lavare, basta spazzolare via il terreno.
Conserva i tuberi maturi in un’area fresca, asciutta e buia per un massimo di quattro o cinque mesi, controllando regolarmente l’avvizzimento e il decadimento.