Press ESC to close

Come conservare i limoni più a lungo?

Durante tutto l’anno, il limone è probabilmente uno dei frutti più comuni nella tua dispensa. E per una buona ragione, la sua utilità culinaria è fondamentale: condisce le nostre insalate e dona sapore ai nostri piatti, oltre a un delizioso tocco piccante ai nostri dessert. Oltre a salse, marinate e vinaigrette, questo agrume disintossicante è molto rinfrescante anche nella limonata e in altri frullati. Fonte inesauribile di vitamina C e flavonoidi, questo frutto è ricco di antiossidanti che aiutano ad eliminare i radicali liberi che danneggiano le cellule del corpo. In più, per chi non lo sapesse, il limone è anche un ingrediente naturale con proprietà detergenti ineguagliabili. Ecco perché è importante saperlo conservare bene per gustarlo più a lungo in casa!

Avere  i limoni  in casa, sempre a portata di mano, è fondamentale sia per cucinare piatti deliziosi che per varie soluzioni domestiche. Ma a volte è difficile conservarli abbastanza a lungo: perché, come tanti altri frutti freschi, quando rimangono conservati a temperatura ambiente, finiscono presto per deteriorarsi e perdere le loro proprietà. Come approfittarne abbastanza per evitare sprechi?

Come conservare i limoni più a lungo?

Fette di limone fresco

Troppo spesso dimentichiamo che  i limoni, come qualsiasi altro agrume, tendono a marcire se non vengono conservati correttamente. Dopo un po’ rischia  di perdere facilmente il suo succo, il suo sapore e tutti i suoi benefici salutari. Infatti, può ricoprirsi di macchie di muffa. Pertanto, poiché utilizziamo i limoni continuamente, e non solo in cucina,  è bene imparare a conservarli correttamente .

Certamente, poiché ne beneficiamo tutto l’anno e li consumiamo quasi quotidianamente, non abbiamo bisogno di conservarli in frigorifero. A meno che non siano già molto maturi, ovviamente. Ma, finché non vengono tagliati, è meglio conservarli in un ambiente fresco, dove ci sia una sufficiente circolazione d’aria. In questo modo dureranno più a lungo e non perderanno la loro freschezza una volta consumati.

Come conservare il limone tagliato?

Quando tagliate un limone a metà e conservate la metà rimanente in frigorifero, tenderà ad ammuffire se verrà a contatto con l’umidità. Esiste una soluzione molto semplice per evitare questo problema: basta mettere questa fetta di limone (a faccia in giù) in un bicchiere e aggiungere qualche goccia di acqua fredda. Conservandolo in   frigorifero , utilizzando questo metodo, si manterrà fresco per almeno una settimana. È anche possibile riporre questa fetta in una ciotola di ceramica con la parte tagliata rivolta verso l’alto.
Altro consiglio: tagliate i limoni in quarti e congelateli in appositi sacchetti.

Come conservare la scorza di limone?

Scorze di limone
  • Scorza di limone grattugiata:  dopo aver grattugiato la scorza, possibilmente senza la parte bianca leggermente amara, riponetela in un contenitore ermetico e conservatela nel congelatore. Non appena ne avrai bisogno, prenderai solo l’importo di cui hai bisogno e lascerai il resto per dopo.
  • Scorza di limone essiccata:  per essiccare le scorze di limone è sufficiente cuocerle in forno a 60° per circa 2 ore. In questo modo perderanno la parte fangosa. Poi basterà conservarli in appositi sacchetti per alimenti.

Come conservare il succo di limone?

Un succo di limone 

Che si tratti di cuocere torte o di preparare una limonata fresca, il succo di limone è particolarmente utile. Come bonus, non è difficile da riporre. Naturalmente potete prepararli sul posto, ma potete anche conservarli negli stampini  per gelato  per averli sempre a portata di mano. Mantenendolo fresco, non ti resterà che tirarlo fuori ogni volta che vorrai gustarlo!