Il rosmarino è una deliziosa pianta aromatica ricca di sapore, profumo e consistenza che viene utilizzata per cucinare, per profumare gli ambienti, per condire, per realizzare creme e unguenti di bellezza e molto altro.

Se vuoi avere rami di rosmarino comodamente a casa tua, nell’articolo di oggi ti insegneremo come tagliare , essiccare e conservare le sue foglie in modo che tu possa usarle quando vuoi e godere dei suoi grandi benefici.

Come tagliare i rametti di rosmarino

Il rosmarino è una pianta dalle qualità rustiche che puoi tagliare senza problemi. Per fare questo, devi scegliere un ramo della tua pianta che abbia un buon numero di foglie e tagliarlo con una cesoia da potatura o delle forbici affilate in modo da non ferire la pianta.

Devi fare il taglio appena sopra dove crescono le foglie verdi, è conveniente che lo fai a poco a poco, cioè un giorno taglia uno o due rami e lascia che la pianta continui a crescere per eseguire un’altra potatura. Ciò non interromperà la sua crescita e gli darà la possibilità di ricostruirsi e continuare a crescere ancora più sano e forte.

Come essiccare i rami di rosmarino

Una volta tagliati i rametti di rosmarino che vi servono, prestando la dovuta cura alla pianta, dovete metterli ad asciugare. Per questo ti diciamo come farlo:

Ciò che di cui ho bisogno?

  • filo sottile
  • forbici
  • spazio buio e arioso

Passo dopo passo:

  1. La prima cosa da fare quando si separano i rametti di rosmarino è sbucciare un po’ il gambo in basso
  2. Quindi dovresti legare un filo sottile attorno al suo stelo e posizionare questo filo sottile appeso a un punto alto (buio e arioso: questo può essere un armadio, un mobile o qualcosa di simile che abbia una buona ventilazione e che puoi controllare giorno per giorno giorno). giorno)
  3. Dovresti quindi lasciare i rami di rosmarino ad asciugare lì per circa una settimana e poi rimuoverli per conservarli

Come conservare i rametti di rosmarino

Una volta che il processo di essiccazione dei rami di rosmarino è andato a buon fine (a seconda dello spazio in cui li conservi, dovrai allungare più o meno il tempo) puoi riporre i tuoi rametti di rosmarino.

Per salvare i rami di rosmarino hai diverse opzioni a seconda di cosa vuoi usarli:

Rosmarino in aceto o olio

Se vuoi usare i tuoi rami di rosmarino per cucinare e goderti il ​​suo delizioso sapore e aroma nelle tue ricette, allora un’ottima opzione per farlo in aceto o olio, in questo modo si manterranno molto bene. 

Per questo ti servirà solo un barattolo di vetro e mettici dentro i rametti di rosmarino che desideri e riempilo con olio o aceto da usare quando vuoi e condisci le tue insalate, le tue paste e altro ancora.

rosmarino in freezer

Se invece vuoi utilizzare le foglie di rosmarino per fare infusi freschi, cocktail o per dare un tocco di profumo o sapore a una ricetta di cucina o per preparare un unguento, una crema, uno shampoo o un sapone, ti consigliamo di friggere le foglie .

Per questo puoi generare i rami interi o tagliare le foglie e lasciarle all’interno di sacchetti con chiusura a zip e usarle quando vuoi. Questa opzione è molto utile e il rosmarino può essere conservato lì per mesi.

rosmarino in barattolo

Un’altra opzione facile e super utile per conservare le foglie di rosmarino se volete utilizzarle asciutte in qualsiasi momento sia per cucinare che per utilizzarle per realizzare un prodotto di bellezza è farlo all’interno di un barattolo con chiusura ermetica .

Ciò ti consentirà di conservare le foglie di rosmarino essiccate per un buon periodo di tempo e di tenerle a portata di mano in modo rapido e semplice. Solo dopo averle asciugate lasciate le foglie lì dentro e saranno pronte per l’uso.

rosmarino in acqua

Un’altra ottima opzione di conservazione per questa grande pianta è mettere il rosmarino tritato insieme all’acqua in una vaschetta del ghiaccio e congelarlo e poi scongelarlo a cubetti quando ne hai bisogno per qualsiasi cosa ti serva.

Puoi usarli per cucinare, per infusi direttamente che vuoi essere freddi e fornire un ottimo aroma e sapore o per fare salse, condire stufati o risotti e molto altro.