Come tutti, sicuramente hai già vissuto questa situazione: tieni il pane che non è stato mangiato e dopo qualche giorno ti accorgi che è cambiato di consistenza e indurito. In genere, non ci pensi due volte prima di buttarlo nella spazzatura, ma non è la soluzione migliore. Scopri come renderlo croccante e fresco in meno di un minuto.

Essendo il re della tavola francese, come possiamo dare una seconda vita al pane raffermo? Grazie a questo trucco, la tua famiglia non vedrà altro che fuoco!

Il raffermo del pane: come spiegare questo fenomeno?

Poche cose sono deliziose come una pagnotta appena sfornata. Ma è difficile mangiare una pagnotta intera mentre è ancora fresca. Tuttavia,  conservarlo è una battaglia persa , poiché ci vuole solo poco tempo perché si asciughi. Infatti, perde la sua umidità attraverso un processo chiamato  retrogradazione dell’amido . Durante questo fenomeno  la mollica si indurisce e perde la sua elasticità , quindi  il pane diventa secco e inizia a sbriciolarsi .

Pane raffermo

Come ammorbidire il pane duro e raffermo e dargli freschezza e morbidezza?

Allora, cosa fare con il pane che è diventato improvvisamente duro come una roccia  ? C’è un trucco molto semplice per ammorbidirlo velocemente.

Ammorbidire il pane raffermo nel microonde

  • Avvolgere il pane in un canovaccio leggermente umido.
  • Mettilo su un piatto che può andare nel microonde
  • Funziona alla massima potenza per 10 secondi.
  • Controllare se è diventato morbido e ripetere l’operazione se necessario.
pane al microonde

Altre alternative per ammorbidire il pane raffermo

Infornate il pane duro per restituirgli la croccantezza

  • Prendete il vostro pane e bagnatelo leggermente con l’acqua.
  • Infornate a 200°C per 5 minuti.

Notare che :

  • Il tuo pane ora è fresco, quindi non aspettare molto per assaggiarlo, perché presto perderà di nuovo la sua umidità.
Pane croccante fuori dal forno

Il trucco del sedano per rendere il pane più tenero

Il metodo del sedano inumidisce  anche il pane a fette , ma ci vuole un po’ di tempo perché bisogna  lasciare che il pane assorba l’umidità durante la  notte.

Come procedere :

  • Infilate un gambo di sedano all’interno del sacchetto del pane (con il pane dentro, ovviamente) cercando di chiuderlo bene;
  • Quindi riponete il sacchetto del pane in frigorifero e lasciatelo riposare per diverse ore o anche tutta la notte;
  • Togliere il gambo di sedano dal sacchetto. Dovrebbe essere abbastanza secco e duro a questo punto, poiché ha perso una notevole quantità di umidità.
Gambo di sedano

Bonus: una ricetta antispreco da fare con il pane raffermo

Secondo ADEME,  in Francia, ogni abitante butta via 4,5 kg di pane all’anno . Questa è una cifra enorme, soprattutto perché questo spreco può essere evitato con poche ricette e buoni riflessi. Oltre a  mettere pezzi di pane duro in un frullatore con spezie o erbe aromatiche  per trasformarli in  pangrattato , ecco  una ricetta  antispreco per insaporire zuppe e insalate:

  • Tagliate a dadini il pane raffermo;
  • Scaldare una padella con olio d’oliva, salare e far rosolare i crostini a fuoco basso;
  • Aggiungi aglio, erbe provenzali o spezie a tua scelta.
Crostini con pane raffermo

Niente più sprechi! Grazie a questi accorgimenti, finalmente mangerai il pane senza buttare via nemmeno una briciola. Inoltre, sarà ancora croccante e gommoso. Ma ricorda comunque che in alcuni casi sarebbe impossibile recuperarlo.