Spesso pensiamo che il bagno sia nichelato dopo la pulizia. Ma, ops! Ci rendiamo conto di aver dimenticato i sigilli! I depositi minerali e la schiuma di sapone tendono a incastrarsi al suo interno nel tempo. Risultato: sono nerastre ed è necessaria una pulizia immediata. Per evitare questo problema abbastanza comune, ti suggeriamo di provare varie tecniche della nonna, una più promettente dell’altra.

Schiuma di sapone, macchie di muffa e altra sporcizia possono rimanere  intrappolate nelle fessure delle piastrelle . Queste formazioni possono dare alle tue articolazioni colori diversi che vanno dal bianco, all’arancione o persino al grigio e sono tutt’altro che belle da vedere. Fortunatamente, con questi semplici metodi non devi tirarti indietro davanti a uno spettacolo del genere per paura di passare troppo tempo a pulire.

Pulizia della malta per piastrelle bianche

Come pulire efficacemente le fughe delle piastrelle?

Questo metodo sfrutta le proprietà detergenti e smacchianti  di uno degli ingredienti naturali fondamentali per la pulizia della casa.  Si tratta semplicemente di aceto bianco che non ha bisogno di presentazioni e che in questo caso si rivela, non a caso, piuttosto efficace.

Pulire le fughe delle piastrelle con acqua tiepida e aceto bianco

Fiale di aceto bianco

L’aceto bianco è ottimo sulle macchie un po’ più difficili ed è soprattutto un’ottima alternativa alla candeggina,  che è meglio evitare.  Riempire un flacone spray con una parte uguale di aceto e acqua tiepida quindi spruzzare la soluzione sulle parti da trattare. Lasciare agire per 5 minuti quindi strofinare con uno spazzolino da denti usato. L’effetto è immediato e le tue fughe risplenderanno di mille luci.

Altri consigli infallibili per pulire efficacemente le fughe delle piastrelle

Questa raccolta di metodi prevede l’utilizzo di ingredienti ricorrenti che puoi utilizzare in sicurezza.

Usa il perossido di idrogeno nella malta per piastrelle

Il perossido di idrogeno è eccellente contro le macchie moderate. Per usarlo sulle fughe delle piastrelle, basta applicare il liquido sulle parti da pulire e se trovi lo sporco più duro, usa una pasta composta da 1 cucchiaio di acqua ossigenata e 3 cucchiai di bicarbonato di  sodio  .

  1. Applicare la pasta sulle articolazioni;
  2. Lasciare agire per qualche minuto;
  3. Strofina con uno spazzolino da denti usato;
  4. Risciacquare con acqua pulita e il gioco è fatto!

Usa la miscela di aceto bianco e bicarbonato di sodio per sbiancare le fughe delle piastrelle

Aceto e bicarbonato di sodio

L’aceto bianco è già efficace sulle macchie ostinate, il suo potere smacchiante sarà migliorato aggiungendo del bicarbonato di sodio. Per fare questo, coprirai prima le fughe macchiate con  una pasta di bicarbonato di sodio e acqua  che lascerai riposare per qualche minuto. Successivamente, spruzzerete dell’aceto sulle parti interessate e lascerete che la schiuma che si forma agisca per disostruire lo sporco. Armati del pennello, tutto ciò che devi fare è strofinare delicatamente prima di risciacquare.

Detersivo per piatti e uno spazzolino da denti usato per giunti di piastrelle in pietra naturale

A differenza delle piastrelle in porcellana o ceramica, le piastrelle in pietra naturale hanno una superficie porosa. Ciò significa che la sua pulizia è più delicata e che è meglio evitare certi detergenti in grado di danneggiarlo. Pertanto, se si nota un leggero scolorimento sulle fughe delle piastrelle in pietra naturale, per pulirle è sufficiente uno spazzolino da denti impregnato di acqua calda e detersivo per piatti. Se non hai il detersivo per i piatti e hai del sapone nero  o di Marsiglia,  puoi sfruttare anche le loro proprietà pulenti e sgrassanti.

Usa candeggina all’ossigeno e acqua

La candeggina all’ossigeno è delicata a differenza della candeggina al cloro che è più aggressiva e ha un odore chimico piuttosto forte. Questa soluzione rimane una delle più efficaci  se si ha a che fare con una fuga di piastrelle particolarmente sporca.  Per utilizzarlo, assicurarsi di aerare prima la stanza e fare riferimento alle informazioni sul prodotto.

  1. Diluire 2 cucchiai di candeggina all’ossigeno in 2 tazze di acqua calda;
  2. Applicare sulle fughe con un pennello;
  3. Lasciare agire il prodotto per 10 minuti o più quindi risciacquare con acqua pulita;
  4. Pulire con un panno asciutto per evitare che lo sporco si depositi nuovamente nelle guarnizioni.

Sebbene all’inizio la pulizia delle fughe delle piastrelle possa sembrare noiosa, questi suggerimenti mostrano che a volte è possibile sopravvalutare la difficoltà del compito.