Con la sua consistenza cremosa e il sapore agrodolce, il ketchup è uno dei condimenti più famosi al mondo. Impossibile immaginare di assaggiare un buon hamburger, un hot dog o delle patatine fritte senza avere la dose di ketchup in giro. Come la senape o la maionese, questa salsa dona un gusto molto più gourmet a vari cibi. Ma a proposito, che dire della sua conservazione? Come la maggior parte di noi, scommetto che anche tu hai l’abitudine di tenerlo sulla porta del frigorifero. Non c’è da stupirsi che tu abbia sempre la reflex per tenerlo in frigorifero poiché la sua stessa etichetta specifica di mantenerlo fresco. Ma è davvero necessario?

Se il ketchup è una delle salse più consumate, resta il fatto che molte persone si interrogano ancora sulla sua conservazione. Va tenuto in dispensa o in frigorifero? Secondo gli specialisti, questa salsa può trovare perfettamente il suo posto a temperatura ambiente nella tua dispensa. A meno che ovviamente non preferiate mangiare il ketchup molto fresco, sappiate che è fatto di aceto e pomodori, la cui acidità impedisce lo sviluppo dei batteri.

Per la piccola storia…

Versare il ketchup

L’imprenditore tedesco-americano Henry John Heinz brevettò il ketchup nel 1876, una salsa rivoluzionaria composta esclusivamente da pomodori maturi, aceto, spezie e zucchero. La storia di successo è stata quasi immediata. Questa famosa “salsa di pomodoro” ha invaso le case americane prima di conquistare rapidamente l’intero pianeta. Ma in verità il segreto di questo condimento è che ha origini cinesi. Prima del perfezionamento della ricetta e in particolare dell’intelligente aggiunta di zucchero, il ketchup crudo era invece composto da un’ancestrale salsa di pesce cinese chiamata “ké-tsiap”.

Sapendo che solo nel 1925 apparvero i primi frigoriferi domestici ermetici, in altre parole, il ketchup non aveva bisogno di rimanere freddo per anni.

A parte questo, alcune usanze hanno un dente duro. Che si tratti di mimetismo sociale o di abitudini instillate nell’infanzia, molti di noi hanno idee preconcette sull’opportunità di mettere o meno il cibo in  frigorifero . Il ketchup è uno di questi. Mentre alcuni non vedono affatto il senso di raffreddare questa salsa, altri sono invece convinti che vada conservata in frigorifero per preservarne la freschezza. La domanda è quindi dibattuta: è necessario o meno conservare il ketchup in frigorifero?

Il ketchup contiene conservanti naturali

Ketchup conservato in frigorifero

Secondo un portavoce dell’azienda alimentare Heinz, si consiglia di refrigerare i loro prodotti dopo l’apertura per mantenere una migliore qualità. Nota che questo vale per tutti i loro prodotti, inclusi  senape , salsa barbecue e tutti gli altri condimenti. Certo, non è così male se la tua bottiglia rimane a temperatura ambiente, ma secondo questo esperto la sua qualità sarà migliore se invece la tieni in frigorifero. Perché questo spazio refrigerato ha la capacità di rallentare il processo di degrado. Come spiega Cynthia James del Cornell University Food Center, ”  A temperatura ambiente, i microbi crescono più facilmente e si moltiplicano più velocemente, mentre la refrigerazione degli alimenti ne rallenta la crescita “.

Tuttavia, come la senape, il ketchup di solito può rimanere fuori dal frigorifero per un po’. Ciò è dovuto all’acidità e ai livelli zuccherini che contiene, soprattutto grazie al pomodoro e all’aceto che fungono da conservanti naturali. Ecco perché, molto spesso nei ristoranti, è comune che queste salse vengano servite a temperatura ambiente. E questo, anche se il marchio incoraggia ancora i consumatori a refrigerare le bottiglie già aperte per mantenere la qualità del prodotto.

Ora puoi  conservare perfettamente qualsiasi ketchup commerciale  sullo scaffale della tua dispensa. Nel caso del ketchup fatto in casa, invece, poiché manca di conservanti, si consiglia vivamente di mantenerlo fresco.

Puoi mangiare ketchup scaduto?

Sebbene il ketchup abbia una data di scadenza sull’etichetta, non è necessariamente considerato “scaduto” in quel giorno specifico o addirittura durante il mese. Questa data non è quindi significativa: c’è solo per motivi di qualità, e il più delle volte il vostro ketchup sarà ancora commestibile anche mesi dopo, purché ovviamente non mostri segni di deterioramento. E questo vale anche per tutte le altre salse industriali non deperibili.

Come fai a sapere se il ketchup è andato a male?

Come rilevare una salsa avariata? Il modo più semplice per farlo è osservare la consistenza del ketchup e annusare il prodotto. Se noti che emana un odore sgradevole, un sapore diverso o un aspetto discutibile, dovresti ovviamente evitare di mangiarlo. Allo stesso modo, se noti la presenza di macchie di muffa, non pensare, devi buttarla subito.