Press ESC to close

Il trucco geniale per eliminare la muffa dai mobili della cucina e del bagno

La muffa è una manifestazione comune in molte zone della casa, specialmente dove c’è umidità. La cucina e il bagno non sono quindi immuni dalla proliferazione delle spore, soprattutto quando questi ambienti non beneficiano di areazione. Per questo ci concentriamo sulle aree che possono essere interessate dalla muffa: i mobili della cucina e del bagno.

Sappi che è possibile pulire da soli la muffa dagli armadietti della cucina e del bagno. Ma prima di attaccarli, assicurati di indossare occhiali e guanti protettivi.

Come si pulisce la muffa dai mobili della cucina?

armadi da cucina

Per pulire l’interno dei mobili della tua cucina, puoi utilizzare un prodotto antimuffa e disinfettante come l’aceto bianco distillato. Versane un po’ in un flacone spray e poi spruzza la soluzione detergente direttamente sulle aree macchiate di umidità. Lasciare agire per qualche minuto poi con una spazzola a setole dure o un panno in microfibra strofinare lo stampo. Se vuoi raggiungere luoghi difficili da raggiungere,  usa uno spazzolino da denti.

Successivamente, immergi un panno pulito in acqua tiepida e risciacqua delicatamente la superficie ammuffita per rimuovere i residui. Per asciugare è sufficiente lasciare aperto il mobile o utilizzare un panno asciutto. Se necessario ripetere l’operazione. Si noti inoltre che se si desidera sostituire l’aceto, dimenticare la candeggina o l’ammoniaca e passare  al perossido di idrogeno, ad esempio. Un prodotto che  può essere utilizzato in molti modi.

In alternativa, è anche possibile che questa parte della cucina emani cattivi odori. Quindi, se vuoi neutralizzare i cattivi odori, sappi che il bicarbonato di sodio è molto efficace. Per utilizzare questo deodorante ecologico, mescola 3 cucchiai di bicarbonato di sodio in polvere con un po’ d’acqua  per fare una pasta  , poi imbevi un panno in quest’ultima prima di spalmarla su tutta la zona macchiata. Successivamente risciacquerai con una spugna umida e poi asciugherai con un altro asciugamano.

Se vuoi anche mantenere un buon odore, puoi profumare la zona alterata  aggiungendo qualche goccia di olio essenziale alla pasta di bicarbonato di sodio . Che si tratti di olio essenziale di tea tree, timo, lavanda, eucalipto o menta, la gamma di profumazioni è molto ampia.

Come pulire la muffa dai mobili del bagno?

mobili da bagno

Simile alla prima soluzione, puoi usare l’aceto bianco  come antimuffa  per pulire i mobili del bagno. Se lo desideri, puoi cambiare leggermente la tecnica versando acqua e aceto bianco in parti uguali in uno spray. Spruzzare quindi la miscela sulla zona interessata da tracce di umidità.

Con una spugna umida e ruvida strofinare delicatamente l’area, quindi strofinare nuovamente con un panno umido  per rimuovere eventuali residui . Quindi prendi un panno pulito e asciutto per asciugare la superficie e lascia l’armadio socchiuso per ventilare il piccolo spazio. Se necessario, ripetere l’operazione fino a quando lo stampo non sarà completamente sparito.

Allo stesso tempo, è importante mantenere la stanza ben ventilata mentre si trattano i mobili. La ventilazione  rimane un passo necessario nella prevenzione della muffa. 

Come con quei trucchi che puoi fare da solo, ce ne sono  alcuni altrettanto semplici per eliminare l’umidità e la muffa  sui muri, come prevenire problemi di condensa.

Altri consigli per proteggere i tuoi armadi

Poiché è probabile che il perossido di idrogeno scolorisca gli armadi in legno macchiato, è più sicuro eseguire il test in una parte poco appariscente dell’armadio. Se non vedi alcuna decolorazione , puoi usarlo. Oltre alle soluzioni detergenti suggerite nell’articolo, è meglio identificare la fonte del problema dell’umidità per evitare la ricomparsa della muffa. Potrebbe essere solo  una perdita da una lavastoviglie o da un lavandino. 

Assicurati anche di ventilare bene la stanza. Non lo ripeteremo mai abbastanza, ma una ventilazione insufficiente è un facile invito alla proliferazione della muffa. Se a maggior ragione si associa a una fuga, il risultato non è dei più piacevoli. Può essere interessante valutare anche l’acquisto di un impianto di ventilazione meccanica (Vmc),  soprattutto per i locali privi di finestre. 

Sempre nell’ottica della prevenzione, puoi unire l’utile al dilettevole sfruttando il potere depurativo  delle piante da interno per eliminare muffe e condense.