Che tu stia acquistando il pane dal tuo panificio preferito o cuocendolo in casa, è sempre una buona idea conservarne un po’ nel congelatore in modo da averlo sempre a portata di mano. Ops, stamattina eri così di fretta che ti sei dimenticato di togliere il pane dal congelatore prima di andare al lavoro? Niente panico, ci sono vari metodi, semplici e veloci, per scongelarlo in pochi minuti senza stress. Come bonus, puoi gustarlo fresco e croccante come quello di tua nonna!

Come scongelare correttamente il pane?

Scongelare il pane è un compito semplice quando hai abbastanza tempo e applichi i gesti giusti. Tuttavia, molte persone commettono alcuni errori e spesso finiscono con il pane umido o troppo morbido. Il modo migliore è avvolgerlo in un panno pulito e scongelarlo a temperatura ambiente. Per il pane integrale questa operazione può richiedere alcune ore, per il pane bianco circa mezz’ora. Meglio farlo in anticipo per ottenere il risultato desiderato. E, per rendere croccante l’impasto, metti il ​​pane in frigo per qualche minuto subito dopo lo scongelamento.

Il consiglio della nonna  : se hai poco tempo e hai bisogno di arrivare velocemente a tavola, puoi provare questa tecnica collaudata da molti anni. Il suo utilizzo è particolarmente indicato in inverno, quando il termosifone è acceso. Dopo aver tolto il pane dal congelatore, metterlo, ancora in un sacchetto di tela, sul fornello. Sarà pronto in 10-15 minuti. Come bonus, dal momento che non lo togli dalla borsa, manterrà la sua morbidezza senza perdere la sua croccantezza.

Due metodi comuni per scongelare il pane

  • Nel forno

Il forno è famoso per garantire un risultato quasi simile al pane appena sfornato, poiché gli permette di recuperare il sapore e la consistenza del primo giorno. Inoltre, per mantenerlo croccante, vi consigliamo di tirarlo fuori dal freezer qualche ora prima di gustarlo. E, non dimenticare di inumidirlo un po’ prima di metterlo in forno in modo che conservi il suo lato tenero e morbido. Una volta inserita tutta la pagnotta nella teglia, infornare a 180°C per un massimo di 30 minuti. D’altra parte, se hai intenzione di scongelare semplicemente qualche  fetta di pane, non vi resta che cuocerli per 5 minuti a 180°C. In verità il monitoraggio è fondamentale: sta a te giudicare se il tuo pane richiede più o meno cottura in base alle tue preferenze. In ogni caso, ti consigliamo di mettere sempre una ciotola d’acqua sul fondo del forno e di lasciare la porta leggermente socchiusa durante il processo per garantire un pane umido e delizioso.

  • Nel microonde

Scongelare il pane nel microonde

Un altro metodo di scongelamento, il microonde è molto più veloce del forno, ma il risultato non è sempre così fruttuoso. A meno che tu non usi il seguente trucco! Per farlo correttamente, devi avvolgere completamente il pane con un panno sottile e pulito. Quindi posizionalo così avvolto sul piatto del microonde e inserisci un bicchiere d’acqua proprio accanto ad esso. In questo modo, l’umidità verrà mantenuta e il tuo pane non si asciugherà facilmente. Certo, molti forni a microonde moderni sono dotati dell’opzione di sbrinamento integrata, ma in caso contrario, utilizza solo il wattaggio più basso disponibile (circa 300-350 W). Il tempo approssimativo per lo scongelamento completo con una buona consistenza è di 90 secondi. Tuttavia, per evitare che il pane si indurisca, meglio non impostare un tempo particolare: impostare invece intervalli da 15 a 30 secondi per monitorare di volta in volta la cottura. Puoi quindi mettere il pane in forno per qualche minuto per recuperare la sua croccantezza.

Pane: ecco gli errori da non fare

Innanzitutto è importante differenziare i tipi di pane: spesso si tende a trattarli allo stesso modo, mentre il pane a fette non è la stessa cosa di una pagnotta intera. Sappi che più lo tagli, più eviti la disidratazione.

  • Non congelare tutti i tipi di pane: utilizzare il processo di surgelazione solo quando non è possibile consumare il pane del giorno.
  • Se il pane è fatto in casa, l’ideale sarebbe non cuocerlo troppo in modo che sia più buono una volta riscaldato dopo lo scongelamento.
  • Prima di metterlo in freezer, è importante isolarlo il più possibile dall’esterno per evitare la disidratazione e la perdita di umidità interna. È quindi sempre meglio coprire il pane con un foglio di alluminio prima di metterlo in un sacchetto di plastica.

Come congelare il pane dal panificio per la conservazione a lungo termine?

Sei andato al panificio e hai comprato più baguette del previsto? Per evitare sprechi, il congelamento rimane la scelta ideale. Grazie a questo metodo, puoi  conservare il tuo pane anche  per un massimo di 4-6 mesi. Ma attenzione, non bisogna mai congelare un pane ancora caldo, quindi aspettate che si raffreddi completamente. Per evitare che si secchi, avvolgilo in un foglio di alluminio o in un sacchetto per congelatore dedicato. Ricordarsi di spremere l’aria in eccesso prima di chiuderlo. La temperatura interna del dispositivo deve essere di -18°C. E voilà!

Buono a sapersi  : bastano poche ore in frigo perché l’impasto del pane diventi più duro e compatto. Ricorda che il freddo non sempre protegge dalla muffa, soprattutto nei frigoriferi più vecchi dove l’umidità è più alta. Il tuo pane può quindi seccarsi e diventare raffermo rapidamente.

Quanto tempo puoi conservare il pane nel congelatore?

Pane conservato nel congelatore

In generale, la temperatura nel frigorifero impedisce agli alimenti di deteriorarsi, ma può influire su alcune delle loro proprietà. La surgelazione resta comunque il modo migliore per mantenere  fresco il pane  e soprattutto per evitare gli sprechi alimentari. Ma per precauzione è meglio non lasciarlo congelato troppo a lungo, quindi cercate di limitare questo congelamento a un massimo di 3 mesi.