Press ESC to close

La pianta che devi mettere in bagno per evitare che si formi umidità

L’umidità causa molti disagi in casa. Provoca la comparsa di microscopici funghi marroni o verdastri, che lasciano un cattivo odore di muffa. Per ovviare a questo inconveniente, puoi utilizzare piante da interno. Questi sono utili per decorare la casa ma non solo. Alcune piante sono anche brave ad assorbire l’umidità. Dato che il bagno è una parte molto umida della casa, scopri quale pianta da interno puoi tenere accanto alla doccia per assorbire l’umidità.

Le piante d’appartamento hanno molte virtù. Mentre alcuni sono efficaci nel purificare l’aria ambiente dalle tossine, altri hanno la particolarità di assorbire l’umidità nell’aria e regolare così l’umidità di una stanza. Queste piante possono essere conservate in bagno,  in modo da evitare che l’umidità provochi muffe.

Quale pianta dobbiamo tenere in bagno per assorbire l’umidità?

La pianta d’appartamento più efficace per assorbire l’umidità  è la felce di Boston,  chiamata anche nephrolepis exaltata.  Questa pianta tropicale prospera nei climi umidi. La felce di Boston ha anche la particolarità  di bilanciare l’umidità interna.  Detto questo, tieni la tua nefrolepide in bagno, vicino alla doccia, in modo che assorba l’umidità dall’aria  e  regoli così l’igrometria di questa  stanza umida della casa.

felce di Boston

La felce di Boston è una pianta perenne sempreverde. Questa pianta ornamentale  è anche molto resistente,  e può vivere a lungo. È quindi adatto a persone che non hanno il pollice verde. Oltre alla sua capacità di assorbire l’umidità, la felce di Boston è rinomata per le sue proprietà disinquinanti. Purifica , infatti,  l’aria dell’ambiente  assorbendo i composti organici volatili, in particolare xilene e formaldeide, rilasciati da prodotti per la pulizia, tappeti o vernici.

Per prenderti cura della tua pianta, esponila  alla luce indiretta  e tienila lontana dalle correnti d’aria. Nota che se decidi di posizionarlo in bagno, quest’ultimo deve avere una finestra per far entrare la luce del giorno. Se esponi la tua pianta alla luce diretta del sole, le foglie della felce, chiamate fronde, potrebbero scolorirsi. Inoltre, assicurati di mantenere il terreno umido, ma non inzuppato, per evitare che  le radici soffochino.  Concimate inoltre la vostra pianta con un concime liquido diluito nell’acqua delle annaffiature ogni due mesi, tra marzo e fine ottobre. Poiché la felce di Boston apprezza i terreni acidi,  evita di annaffiarla con acqua dura.

La felce è sicuramente resistente agli attacchi dei parassiti, tuttavia può essere invasa da tripidi o acari  se l’aria è molto secca.

Quali altre piante da interno puoi tenere in bagno per evitare l’umidità?

Oltre alla felce di Boston,  anche altre piante tropicali hanno proprietà deumidificanti  e possono essere collocate in bagno. Inoltre, l’ambiente caldo e umido del bagno ricorda loro il loro ambiente tropicale naturale in cui prosperano.

  • Spathiphyllum per assorbire l’umidità

Il giglio della pace

Chiamato anche giglio della pace, lo spathiphyllum è una pianta da interno perenne che assorbe l’umidità attraverso il suo fogliame  e previene così la comparsa di muffe. Molto facile da curare, questa pianta necessita solo di un po’ di luce,  oltre ad  annaffiature regolari ma leggere.

  • Aloe vera per prevenire l’umidità

Aloe vera001

L’aloe vera è una pianta da interno efficace per purificare l’aria interna dalle tossine, oltre ad assorbire l’umidità stagnante. Questa pianta succulenta è facile da curare  e resiste al calore elevato.

  • Edera rampicante per eliminare l’umidità stagnante

Edera

L’edera rampicante è una pianta perenne decorativa apprezzata  per la sua azione deumidificante.  Quando questa vite è sospesa, aiuta ad assorbire l’umidità di risalita, oltre ad eliminare la muffa. Ivy ha bisogno di poca luce. Il terreno, invece, deve rimanere sempre umido.

Oltre a queste piante, anche la palma nana, l’orchidea, il ficus o la tillandsia sono piante da appartamento che puoi tenere vicino al tuo box doccia, per eliminare l’umidità in eccesso, ed evitare così la comparsa di funghi.