L’irrigazione delle piante è un parametro fondamentale. L’acqua in eccesso e la mancanza di umidità possono essere fatali per le piante. Tuttavia, molte persone non riescono mai a trovare la giusta misura e spesso ripetono gli stessi errori. Per evitare che le tue piante appassiscano prima del tempo, è importante tenere conto di diversi fattori: il clima, la luce, il terreno, il tipo di pianta e il suo fabbisogno idrico. Sapendo che in inverno la frequenza delle annaffiature deve diminuire, ecco alcuni consigli da seguire.

Quanto spesso le piante d'appartamento dovrebbero essere annaffiate in inverno?  L'errore da non commettere per evitare che svaniscano

logo pinterest

Innaffiare in inverno: le regole d’oro

piante d'appartamento

logo pinterest

Piante da appartamento – Fonte: spm

L’acqua è fondamentale per la sopravvivenza delle piante: non solo le mantiene idratate, ma favorisce anche un buon assorbimento dei nutrienti. Tutte le piante hanno bisogno di acqua. Solo che il dosaggio varia da specie a specie. È quindi importante avere quante più informazioni possibili su ogni pianta per determinarne tutte le esigenze. Tuttavia, la maggior parte delle volte, l’irrigazione delle piante d’appartamento non è ben controllata. Alcuni si avventurano ad inondare i loro fiori secondo i loro desideri, altri stabiliscono rituali scegliendo un momento specifico per spruzzare le loro piante. No, non c’è un momento specifico per farlo, dicono gli esperti.

Naturalmente la frequenza delle annaffiature varia a seconda delle stagioni. Sappiate in particolare che nel periodo invernale le piante da appartamento entrano in riposo vegetativo: inizia generalmente alla fine dell’autunno o all’inizio dell’inverno. Questo è un periodo di ripristino dopo la stagione calda in cui le tue piante hanno ricevuto risorse sufficienti per un’abbondante fioritura. Si noti che durante questa fase di riposo consumano meno energia e si preparano a dare alla luce nuovi germogli primaverili. Pertanto, ogni pianta ha le proprie preferenze ed esigenze in termini di irrigazione. Inoltre, per mantenerli sani e belli, bisogna assolutamente tenere in considerazione tutti gli aspetti che li manterranno sani.

Durante questa fase di riposo vegetativo le tue piante non hanno bisogno di molta acqua, a meno che non fioriscano proprio in questo periodo. L’irrigazione dovrebbe essere effettuata una volta ogni due settimane per alcuni e addirittura per niente per altri.

Ecco le frequenze di irrigazione per  le piante d’appartamento più popolari:

  • Begonie: non annaffiarle affatto in inverno.
  • Cactus: puoi innaffiarlo una volta ogni tre settimane, in piccole quantità.
  • Azalee, edera, gerani o eucalipti: annaffiare molto raramente o per niente.
  • Ficus, dracaena e altre piante tropicali: annaffiare al massimo due volte a settimana.
  • Orchidee  : annaffiatele una volta ogni due settimane, preferibilmente al mattino, con acqua a temperatura ambiente.

Fattori da considerare prima di annaffiare

Innaffiare una pianta d'appartamento

logo pinterest

Innaffiare una pianta d’appartamento – Fonte: spm

  • Tipo di pianta: come detto sopra, la  quantità di acqua necessaria  varia a seconda della specie. Alcune piante amano l’umidità e altre preferiscono la siccità. Quindi assicurati di identificare il fabbisogno idrico di ciascuna delle tue piante. Potrai così avere un’idea più precisa della frequenza di irrigazione.
  • Controlla sempre la secchezza del terreno: per farlo, usa un bastoncino di legno. Se scivola facilmente nel terreno, l’umidità è ancora presente. Se si attacca alla superficie, il terreno non è idratato. Le annaffiature devono quindi essere effettuate (a seconda del tipo di pianta ovviamente).
  • Testare il peso del vaso: questo è un altro modo efficace per controllare la quantità di acqua rimasta nel terreno. Se è secco, è necessariamente più leggero del terreno umido. Sentirai quindi una notevole differenza di peso tra una pianta innaffiata e una pianta secca.
  • Un altro consiglio per controllare il terreno: usa la punta delle dita per sentire il terriccio nel vaso attraverso i fori di drenaggio. Questo ti permetterà di valutare il grado di secchezza del terreno per determinare se l’irrigazione è necessaria o meno.