Press ESC to close

Perché ora devi mettere la farina nella padella prima di preparare le uova? Il trucco che cambia tutto

Pulire i piatti sporchi, in particolare pentole e padelle, può diventare rapidamente una vera seccatura. Anche quando si preparano alcune ricette semplici, come le uova strapazzate, non c’è niente di più insopportabile del cibo che si attacca all’utensile. L’ingrediente segreto dei grandi Chef? Farina. Scopri rapidamente come questa sostanza polverosa ti salverà la giornata in vari contesti.

Preparazione delle uova strapazzate

Perché spolverare un po’ di farina nella padella prima di fare le uova strapazzate?

È vero, in termini assoluti, anche un bambino può preparare uova strapazzate. È sicuramente uno dei piatti più semplici da preparare. Eppure, molte persone si lamentano di avere metà delle uova attaccate alla padella. Nemmeno la consistenza desiderata è sempre presente: o le uova sono troppo secche, o bruciate o addirittura gommose. E pensare che c’erano tutti gli ingredienti per rendere la ricetta una perfetta riuscita. Cosa c’era esattamente che non andava, ci si chiede spesso.

Sicuramente stai commettendo degli errori fatali. Prendi, ad esempio, hai l’abitudine di mettere le uova direttamente nella padella quando escono dal frigorifero? Cattiva idea. Questo shock termico è probabilmente responsabile di alcuni problemi. L’olio bollente interromperà anche il processo di cottura: prima ancora che il calore raggiunga il tuorlo, l’albume si dorerà troppo velocemente. È quindi importante lasciare le uova per qualche minuto a temperatura ambiente.

Per riuscire con le tue uova strapazzate, devi prima tirarle fuori dal frigo prima e poi cospargere qualche grammo di farina nell’olio. Per quello ? La farina eviterà piccole ustioni e ridurrà gli schizzi d’olio. Quando si aggiungono le uova, si consiglia di abbassare la fiamma in modo che l’albume  possa cuocere più lentamente. Questo eviterà che scoppi, sfrigoli o si secchi. Una volta cotto, il tuorlo raggiungerà quindi la giusta temperatura.

La farina rimane quindi uno dei migliori trucchi da incorporare nella padella quando si prepara la frittura.

Cotolette croccanti

 La farina ha più di un asso nella manica!

  • Come fare le cotolette croccanti?

Vuoi cucinare in forno, ma sei preoccupato per la laboriosa pulizia degli stampi dopo? Il trucco è semplice: prima di infornare, ricoprite la pirofila con un po’ di farina che andrà a sostituire il burro o la teglia. Come bonus, prenderai due piccioni con una fava: non solo le tue cotolette impanate saranno più croccanti, ma pulire non sarà noioso. Stesso principio con il prosciutto: cospargere i pezzi con un po’ di farina e un cucchiaino di lievito. Non si attaccheranno allo stampo e manterranno una gustosa consistenza.

  • Usa un po’ di farina per friggere la carne

Se vuoi friggere un pezzo di carne in padella, ci sono alcune regole da seguire. Innanzitutto bisogna evitare lo shock termico: se la vostra carne è appena uscita dal frigo e la tuffate direttamente nella padella unta e molto calda, questo sbalzo di temperatura rischia di bruciare velocemente il vostro pezzo di carne e di alterarne il sapore . Per non parlare dei residui bruciati sull’utensile che ti renderanno difficile la pulizia. La cosa migliore è usare ancora un po’ di farina: cospargerla sull’olio come per le uova strapazzate.

Buono a sapersi:  devi sapere che la farina ha un effetto addensante molto interessante in cucina. Spolverarlo sulla carne aiuta anche a rendere più gustosa la crosta e la protegge dal calore troppo elevato. Inoltre, non si dorerà troppo velocemente e avrà un bel colore dorato.

  • Stop alle macchie d’olio sulla padella!

Anche in questo caso la farina è una soluzione già pronta. Per facilitare la pulizia dopo una preparazione alla frittura, c’è un rituale da fare prima. Il trucco è aggiungere un cucchiaino di farina di frumento all’olio ancora freddo nella padella. In questo modo, quando inizia a scaldarsi, una volta che il cibo si avvicina, non schizzerà dappertutto. Ciò eviterà depositi di sporco e detriti bruciati sui lati.